Mercoledì, 23 Gennaio 2019
itenfrdees

Sant’Agata D’Esaro: un progetto per valorizzare il patrimonio naturalistico e culturale

Posted On Martedì, 13 Novembre 2018 12:39
Rate this item
(0 votes)

 

Il comune di Sant’Agata di Esaro, guidato dal Sindaco Luca Branda in collaborazione con l’Ente Parco Nazionale del Pollino,  l’Associazione Ambiente Vivo e il CAI,  promuove  il progetto “Il cammino lungo le mulattiere  – Contact – raccontiamoci tra sentieri e mulattiere dal Pollino alla Sila lungo la Catena Costiera”  con l’intento di potenziare il patrimonio naturalistico del territorio facente parte dell’area Parco Nazionale del Pollino e dei comuni limitrofi, tramite l’attuazione  di una rete di comunicazione integrata e intermodale tra aree montane attigue  e collegata con diversi sistemi di trasporto: auto, bus, elicottero, deltaplano, moto, mountain bike, nonché con i numerosi itinerari ecosostenibili già esistenti.

 

Fra gli obiettivi del  progetto vi sono quelli di realizzare una rete attrezzata di sentieri misti, da collegare alle infrastrutture  già esistenti; innalzare i livelli di sicurezza, comfort e qualità dei percorsi disponibili;  rafforzare l’interesse dell’offerta turistico-culturale attraverso la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio storico artistico, migliorando la sua accessibilità e fruibilità, con particolare riguardo al patrimonio diffuso e raggiungibile in modo capillare tramite la mobilità dolce nonché di mettere in rete i siti di interesse culturale e paesaggistico presenti nei diversi territori, migliorandone la fruizione pubblica. Il  piano, di parziale modifica che ha già l’approvazione del Presidente del Parco Nazionale del Pollino On.le Domenico Pappaterra, vuole essere non solo un opportuno strumento  di crescita e promozione del nostro territorio, ma soprattutto un’occasione per sostenere le attività imprenditoriali già presenti nella zona o per sollecitarne di nuove.

"Ultimamente, anche la Calabria – afferma il sindaco-  sotto l’impulso del crescente interesse per l’escursionismo e il conseguente movimento da una parte all’altra della penisola, di camminatori professionisti e/o liberi frequentatori di sentieri,  manifesta la necessità di costruire una rete organizzata di percorsi segnalati, per la fruizione escursionistica o semplicemente turistica della montagna e delle aree interne ad essa collegate. In questo senso diventa sempre più fondamentale qualificare il territorio, dotandolo di servizi e infrastrutture leggere, sostenibile e adeguate all’obiettivo."

Del progetto Contact si è parlato nel corso del convegno” Cammini e percorsi naturalistici nel Parco Nazionale del Pollino”  tenutosi venerdi’ 9 novembre, presso l’aula consiliare del comune di Sant’Agata D’Esaro dove sono  intervenuti anche:  l’On. Franco Sergio, consigliere regionale;  Maria Rosaria D’Atri, Presidente CAI Calabria; l’On. Domenico Pappaterra, Presidente del Parco Nazionale del Pollino e  Marino Fiasella, Presidente nazionale Ambiente Vivo.

 

Lucia Miceli

 

 

Share/Save/Bookmark