Mercoledì, 17 Ottobre 2018
itenfrdees

 


Il Parco archeologico di Hipponion si trova a pochi chilometri dalla costa tirrenica di Tropea e accoglie i resti dell’antico centro indigeno di Veipo, prima colonna locrese di Hipponian.

Posted On Mercoledì, 10 Ottobre 2018 11:32

Il 2018 è un anno positivo per il turismo di Altomonte, che ha già registrato nei primi mesi dell’anno, un incremento turistico maggiore rispetto ai precedenti. Un aumento di presenze di circa il 30% di nuovi turisti: Americani, Olandesi, Francesi, Tedeschi, Austriaci, Giapponesi e Inglesi, che hanno scelto l’accoglienza di questo borgo medievale calabrese come meta delle loro ferie.

Posted On Domenica, 01 Luglio 2018 21:41

Un luogo magico e quasi da sogno. Una oasi immersa tra le montagne e il mare, che permette di scorgere da lontano la piccola isola di Cirella. E quando il tempo lo permette, addirittura il golfo di Palinuro.

Posted On Lunedì, 25 Giugno 2018 11:54

Come per tanti borghi della Calabria, anche la storia di Scilla, meravigliosa località turistica e balneare della provincia di Reggio Calabria, si perde nei millenni della storia preellenica, quando una delle diverse popolazioni di stirpe italica si insediò sulle rive del Tirreno: in un luogo protetto da una imponente rupe di avvistamento dalla quale si potevano scorgere eventuali invasori provenienti dal mare.

Posted On Domenica, 03 Giugno 2018 10:51

Un borgo fantasma ubicato alle pendici meridionali dell’Aspromonte di Calabria: Roghudi.

Posted On Sabato, 25 Agosto 2018 00:03

Buonvicino è uno dei borghi più interessanti dell'entroterra cosentino. Il nome richiama, secondo alcune fonti, le vicende di un borgo montano dove un tempo fiorivano il cotone e la seta. E proprio alla fibra non lavorata del cotone e alla carta bombicina da essa ricavata, verrebbe fatta risalire la denominazione Buonvicino: tale ipotesi sarebbe confermata dallo stesso stemma comunale recante il simbolo di questa pianta.

Posted On Lunedì, 14 Maggio 2018 14:31

Praia a Mare è una piccola cittadina della provincia di Cosenza, al confine tra Lucania e Calabria. In origine popoloso villaggio di contadini e di pescatori sorto sulle spiagge strette tra il corso del fiume Noce, che a nord segna il confine con la Basilicata e il contrafforte roccioso oltre la pianura alluvionale del fiume Lao, inizialmente semplice frazione marinara del confinante comune di Aieta: diventa comune amministrativamente autonomo nel 1928.
Praia ha mantenuto integri e vivi usi, costumi e tradizioni della vicina rocca natia. L'etimologia del nome è incerta, sebbene ricordi i traffici di merci e uomini che nel passato succedevano sulla costa Tirrenica: deriverebbe da "Plaga Sclavorum", spiaggia degli Sclavoni o degli Schiavoni, o da "Plaga Slavorum", spiaggia degli Slavoni.

Posted On Mercoledì, 02 Maggio 2018 11:59

Aieta è un piccolo paese dell’Alto Tirreno cosentino. Il nome del borgo nasce dall’etimo greco aetòs che indica l’aquila appollaiata sulla cima del Monte Calimaro come vedetta e risale ai domini bizantini. Aieta fu la sede di ville di produzione agricola ai tempi degli Enotri (VI-V secolo a.C.) e dei Lucani (V-IV secolo a.C.), così come per i Romani. Come gli altri centri tirrenici fu accorpato ai possedimenti napoletani degli Svevi, degli Angioini, degli Aragonesi, delle dominazioni straniere fino all’annessione al regno d’Italia. Quando nel 1928 fu proclamato il Comune di Praia a Mare, il territorio di Aieta venne ridotto e privato della fascia costiera. Infatti si trova a 12 km dal centro di Praia.

Posted On Sabato, 14 Aprile 2018 09:37

 

 
« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31