Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 21 Febbraio 2019
itenfrdeeles

Castrovillari: una maggioranza di centrosinistra, che si ritrova due candidati al consiglio provinciale di centrodestra

Posted On Domenica, 10 Febbraio 2019 12:44
Serena Carrozzino Serena Carrozzino

“Voglio iniziare questa mia riflessione col dire che Castrovillari è il “il paese delle meraviglie”. Il mio stupore è sempre maggiore sul perché non si riesca a capire, che questa città e questo territorio si aspettano uomini e strategie capaci di dare una svolta, di renderle quella dignità negata, da anni, da politiche del vuoto e dall’indifferenza di una politica distratta e tante volte assente.” E' quanto scrive in una nota Serena Carrozzino, referente l’Italia del Meridione - città di Castrovillari 

"Qualche giorno fa, compiendo un’analisi su quello che sta succedendo nella mia comunità in virtù del rinnovo del Consiglio provinciale, sono arrivata alla conclusione che oggi, la città di Castrovillari, avrebbe potuto avere uno o più consiglieri nell’assise provinciale. Un po’ come quella squadra di calcio, che non vince da tempo una partita ed oggi avrebbe avuto la possibilità di segnare, avendo la porta libera e senza portiere, in quanto i centri più grandi, come Corigliano, Rossano e Cassano allo Jonio, commissariati, non possono partecipare e né votare alcun loro consigliere comunale. Un rigore facilissimo, ma anche in questa occasione, si rischia di sbagliare, si rischia di non fare goal."

"Ho massimo rispetto verso i due consiglieri comunali candidati al consiglio provinciale. A loro non disconosco alcun merito, alcuna capacità e professionalità e la mia é una domanda, che segue ad una riflessione di natura strettamente politica. Una domanda che tutti si stanno ponendo: sé questa in carica é un’amministrazione di centrosinistra, come fa a trovarsi ben due candidati di centrodestra? Io mi auguro che i colleghi di maggioranza possano votarli, anche se questo porterebbe ad una cambio di casacca o di colore. Questa amministrazione, votata da un elettorato di sinistra, si troverebbe tutto ad un tratto di destra. Ma nel paese delle meraviglie tutto è possibile, ricordando anche il mio sforzo di quegli anni, dove insieme al contributo di Peppino Pignataro, abbiamo fatto si che questa città avesse un’amministrazione di centrosinistra."

"Io e il già consigliere Pignataro, siamo stati messi sulla graticola, tacciati di cambio di casacca e siamo stati oggetto di vergognosi attacchi da parte di chi, oggi, si trova nel limbo di una scelta politica, che non può passare inosservata.
Capisco anche l’imbarazzo del sindaco Lo Polito, ma, ancora una volta, si è lasciato prendere la mano, o meglio se n’è lavato le mani. Lo sforzo maggiore dovrà farlo la maggioranza, perché si potranno eleggere due consiglieri provinciali. D’altronde, basterebbe mettere da parte i colori ed indossare qualche casacca, che forse non piace, ma, almeno, Castrovillari potrà avere una presenza importante nell’assise provinciale."

"Da parte mia, ad ogni modo, mi reputo amareggiata di tutto ciò, dell’incredibile pasticcio di questa maggioranza e spero non ci sia un autogol, come successo in passato. All’epoca, io ed il consigliere Pignataro, fummo considerati traditori e, dopo un lungo dibattito in maggioranza, costretti alle dimissioni perché considerati di destra. Dimostrando di non essere attacchi alla poltrona, ma difendendo la nostra dignità, ci portammo fuori dal consiglio comunale, quando avremmo potuto rimanerci, perché eletti dal popolo."

"Non abbiamo però smesso di continuare a fare politica, quella vera e vicina alle istanze del territorio e della gente. Oggi - conclude la nota di  Serena Carrozzino, - il nostro impegno e quello di Pignataro continua e saremo vigili su cosa accadrà in merito a questa vicenda, dove tutto diventa un arcobaleno. Sperando in tempi migliori, noi ci saremo. Per quanto mi riguarda, sto già lavorando all’interno di un importante contenitore politico, come l’Italia del Meridione, anche allo scopo di avere un dibattito democratico all’interno di questa città ed un’alternativa al modo di fare politica di questa coalizione in carica."

 

Search

Rubriche

« February 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28