Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 21 Febbraio 2019
itenfrdeeles

Dall'Italia

"Tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge. I miei genitori, come tutti, hanno diritto a un processo giusto e spero rapido. Non grido ai complotti: chiedo che i processi si facciano nelle aule dei tribunali e non sul web o nelle redazioni dei giornali. Noi aspettiamo le sentenze, ma le sentenze si pronunciano in tribunale e non nelle piazze populiste". Così Matteo Renzi all'indomani del provvedimento che ha posto i suoi genitori agli arresti domiciliari. "Chi ha letto le carte e ha un minimo di conoscenza giuridica sa che privare persone della libertà personale per una cosa come questa è abnorme (emblematico il post di Enrico Mentana, che certo non può essere tacciato di renzismo)", aggiunge l'ex premier che poi assicura: "Non mollo di un solo centimetro... Se qualcuno pensa di fermarmi, non mi conosce. Non ci conosce".

Posted On Martedì, 19 Febbraio 2019 11:02

L'associazione animalista Lav ha scritto oggi alla ministra della Salute, Giulia Grillo (M5S), per proporre provvedimenti contro i maltrattamenti ai suini negli allevamenti. La Lav nella lettera propone "l'urgente convocazione di una Conferenza Stato-Regioni per esaminare la situazione degli allevamenti di suini e orientare i servizi veterinari pubblici in un piano straordinario di controlli che faccia emergere le sacche di illegalità e i pericoli per il bene degli animali e la salute dei cittadini; l'emanazione di una disegno di legge del Ministero della Salute che introduca specifiche fattispecie omissive e adeguate sanzioni per i veterinari di sanità pubblica e per i veterinari aziendali in tema di benessere degli animali e di salute pubblica."

Posted On Sabato, 16 Febbraio 2019 00:45

Si è sentito male mentre era in casa e, dopo i primi soccorsi, Umberto Bossi è stato trasportato in elisoccorso all'ospedale di Varese dove è stato ricoverato in rianimazione e sottoposto a sedazione, poi sospesa. Da quanto riferito non è in pericolo di vita. Ci vorranno diverse ore di osservazione, però, prima che i medici possano stabilire con certezza se il fondatore della Lega sia stato colpito o meno da una ischemia cerebrale. Secondo alcune fonti del Carroccio, appena giunto in terapia intensiva, è stato sottoposto a una angiotac al cervello dalla quale non sarebbe risultata alcuna emorragia in corso e, inoltre, muoverebbe il braccio destro. Tra 12 ore è prevista una nuova tac. Al momento, per via dei valori ematochimici bassi, si sospetta che sia stato probabilmente colpito da una crisi epilettica e non da ictus e nemmeno da emorragia cerebrale. Crisi che potrebbe essere collegata ai problemi di salute di cui soffre da anni.

Posted On Venerdì, 15 Febbraio 2019 10:30

Il fondatore della Lega Nord, Umberto Bossi, è stato portato con un elicotterro medico al pronto soccorso dell'ospedale di Varese, dopo che ha avuto un malore in casa. Lo conferma lo stesso ospedale spiegando che "seguiranno aggiornamenti domattina, intorno alle ore 12".

 

 

Posted On Giovedì, 14 Febbraio 2019 19:22
Pagina 1 di 4

Search

Rubriche

« February 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28