Venerdì, 26 Aprile 2019
itenfrdees

"TalkCosenza": nuova applicazione per guidare i turisti nella visita al MAB o agli altri luoghi

Posted On Giovedì, 29 Novembre 2018 06:44
Rate this item
(0 votes)
"TalkCosenza": nuova applicazione per guidare i turisti nella visita al MAB o agli altri luoghi Nella foto: un momento della presentazione

 

Lo smartphone come guida ed ausilio per visitare il MAB o altri luoghi di interesse storico o artistico della città. Da oggi è possibile, grazie ad una nuova applicazione mobile, “TalkCosenza”, nata dalla collaborazione, senza alcun onere per il Comune, tra l'Assessorato al turismo e marketing territoriale di Palazzo dei Bruzi e l'azienda “Naos Consulting” che l’ha proposta e sviluppata. La nuova app è stata presentata questa mattina nel salone di rappresentanza del Comune di Cosenza, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato l'Assessore alla comunicazione, turismo e marketing territoriale di Palazzo dei Bruzi, Rosaria Succurro e il direttore tecnico di “Naos Consulting” dott.Francesco Principe.

“TalkCosenza” è una sperimentazione gratuita che offre, ai cittadini e ai turisti, l'opportunità di visitare interattivamente il MAB (Museo all'aperto Bilotti), ma anche altri luoghi storici e d'arte della città, come il Castello Svevo, il Duomo, la Chiesa di San Domenico, il Complesso monumentale di S.Agostino con il Museo dei Brettii e degli Enotri ed il Museo Diocesano.

Un'applicazione che si rivelerà di particolare utilità per il Comune, in quanto consentirà di avere un profilo aggiornato delle diverse tipologie di turisti od utenti che quotidianamente visitano il MAB o gli altri luoghi di interesse, al fine di potenziare i servizi, implementare nuovi percorsi turistici ed ottimizzare anche l'accoglienza.

La conferenza stampa è stata aperta dall'Assessore Rosaria Succurro che ha ricordato le molteplici azioni messe in campo dall'Amministrazione comunale, sulla scorta delle felici intuizioni del Sindaco Mario Occhiuto, per raggiungere l’obiettivo di far compiere a Cosenza quello scatto in avanti in grado di trasformarla da città nella quale il turista è di passaggio a città in cui si viene per scelta, considerandola una vera e propria destinazione turistica.

"Il turismo  - ha detto Succurro - è motore di sviluppo economico, ma anche opportunità per i giovani e le tante associazioni e aziende che vi gravitano attorno e che sul turismo si reggono. Si è lavorato tanto e lo si continua a fare, attraverso un progetto strategico di lunga durata, ma che già nel breve periodo ha prodotto risultati importanti. Negli ultimi anni – ha aggiunto Succurro – il numero dei turisti a Cosenza è cresciuto in termini esponenziali. Abbiamo presenze di turisti non solo dal resto d'Italia, ma anche da altri Paesi: dalla Germania, dalla Cina, dal Giappone. E poi abbiamo incrementato anche il cosìddetto turismo delle origini, con i flussi provenienti dal Canada, soprattutto in estate o nel periodo natalizio”. L'Assessore Succurro ha anche ricordato il turismo originato dal fascino esercitato dal mito e dalla leggenda di Alarico, soprattutto quello tedesco, e quello legato ai percorsi d'arte contemporanea (dalla bellezza del Mab ai nuovi progetti come il BoCS Museum o i BoCS Art). Senza tralasciare il turismo enogastronomico, “perché – ha aggiunto - il nostro territorio, su questo versante, ha tanto da offrire".

Nei dettagli tecnici è entrato il Dott.Francesco Principe di Naos Consulting che si è avvalso della collaborazione dell'ing.Giuseppe Riccio, responsabile sviluppo della stessa società e della Dott.ssa Lidia La Rocca, storica dell'arte che ha implementato i contenuti dell'applicazione, dopo un lavoro di supervisione e controllo da parte della direttrice del Museo dei Brettii e degli Enotri, dott.ssa Marilena Cerzoso.

Il dott.Principe ha ricordato come l'Amministrazione comunale si sia fatta carico di distribuire lungo il Mab, ai commercianti, degli adesivi (vetrofanie). Avvicinando lo smartphone al QR Code riportato sull'adesivo, il turista può scaricare l'applicazione in maniera automatica. Per rendere scaricabile l'app, Principe ha aggiunto che è necessario un minimo di profilazione. Chi si appresta a scaricarla deve indicare dei dati (l'età, la professione, il motivo della presenza in città) che vengono trattati in forma anonima e nel pieno rispetto della privacy.

Una volta scaricata l'applicazione, sarà possibile sia la visita off-line, a distanza, che quella smart, a diretto contatto, ad esempio, con l'opera del Mab alla quale si è vicini.

Il percorso si presenta con una mappa interattiva che accompagna il turista o il visitatore occasionale lungo l’isola pedonale alla scoperta delle opere che compongono il MAB. "Sarà possibile – ha spiegato il Dott.Francesco Principe- capire quante persone visitano la singola opera del Mab". L'app, che è sia in italiano che in inglese, offre anche un servizio aggiuntivo: le notifiche push per comunicare al turista e all'utilizzatore dell'app gli eventi organizzati dal Comune. L'app e le notifiche potranno avere anche delle finalità di protezione civile comunicando l'allerta meteo sulla città in tempo reale. Il turista potrà scaricare i contenuti dell'opera che si appresta a visitare o, in caso di visita off-line, di quella che visiterà in un secondo momento. Le opere sono descritte da una voce sintetica che racconta ciò che si sta vedendo. La descrizione è arricchita da fotografie dell'opera del Mab che è ricostruita anche in 3D."Sono poche – ha concluso il Direttore Tecnico di “Naos Consulting” - le città che hanno investito in questo genere di attività. In Europa si contano solo Amsterdam in Olanda e  Holywell in Galles". 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark

 

 
« April 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30