Venerdì, 18 Ottobre 2019
itenfrdees

Liquirizia di Calabria. Una radice feconda della nostra terra

Posted On Lunedì, 30 Aprile 2018 09:55
Rate this item
(0 votes)

La liquirizia, Glycyrrhiza glabra, nome di etimologia greca che significava pianta dalla dolce radice è una pianta della famiglia delle Leguminosae. Utilizzata come digestivo, espettorante e antinfiammatorio, è utile nella cura della tosse, mal di gola e acidità gastrica.

L’ enciclopedia britannica considera la liquirizia pura calabrese la migliore al mondo in quanto è particolarmente equilibrata nel suo gusto dolce e amaro tanto da essere utilizzata senza additivi o sostanze edulcoranti. Sono queste le importanti caratteristiche che hanno reso celebre nel mondo questa radice e hanno permesso alla Calabria di sviluppare un fiorente commercio con la creazione di vere e proprie industrie già 300 anni fa.

La nostra terra è gentile e feconda tanto che di arbusti di liquirizia ne troviamo lungo tutta la zona ionica. La lavorazione delle radici della liquirizia calabrese rappresenta da secoli un'importante fonte di sviluppo economico soprattutto per la zona costiera.

Tra Rossano e Corigliano, crescono rigogliose piante di liquirizia che donano radici di elevata qualità, particolarmente apprezzate dai consumatori di tutto il mondo, tanto da essere considerate le migliori del pianeta.

Nell’antichità la pianta della liquirizia era sfruttata dai medici: Ippocrate, Galeno, Dioscoride, Teofrasto e Plinio la giudicavano insostituibile per combattere il mal di fegato, le gastriti, le coliche renali, le tossi convulse e, lavorata in pomata, ottimo cicatrizzante per le ferite.

Ma la virtù che più la faceva amare era quella dissetante: gli Sciti, mangiando esclusivamente formaggi di capra e liquirizia, riuscivano a camminare per più di dieci ore nel deserto, sotto il sole cocente e l’arsura, senza patire affatto la sete. Proprio in virtù di queste doti terapeutiche, per alcuni secoli la liquirizia  si poteva acquistare solo in farmacia, tagliata a pezzetti legnosi a caro costo.

In Calabria è la ditta Amarelli che dal 1731, continua ininterrotta la produzione di questa radice e ne cura l’esportazione in Europa, in America e Australia, con particolare attenzione sia al settore dolciario che ai circuiti farmaceutico ed erboristico. Per poter condividere con chiunque la straordinaria realtà imprenditoriale della famiglia, nel 2001 è nato il Museo della liquirizia Amarelli.

 

Share/Save/Bookmark

 

 
« October 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31